Omnia Cultura

Storia, Cultura e società
 
IndicePortaleGalleriaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 storia della casa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 148
Età : 44
Data d'iscrizione : 04.04.08

MessaggioTitolo: storia della casa   Dom Giu 01, 2008 11:14 pm

Educazione tecnica: L’abitazione Unità didattica classi seconde
Esperti DECS-UIM pagina
1
2. LA STORIA DELLA CASA
La casa primitiva
L’uomo divenne da cacciatore (nomade) ad agricoltore vivendo
in uno stesso luogo e quindi anche i loro insediamenti
cambiarono, con la costruzione di granai, recinti per il bestiame,
spiazzi dove sgranare le messi ecc.
Casa del periodo romano
Accanto a queste abitazioni, sorgono però anche le insulae,
case d’affitto a più piani e a più scale, a volte con botteghe al
pianterreno, che sembrano costituiscano il primo esempio di
case popolari.
Ve ne sono di decorose, ma in genere sono veramente
modeste. In molti casi gli inquilini devono accontentarsi di spazi
assai ristretti; l’abitazione è ridotta quasi soltanto alla funzione
di riparo.
Oltre alle domus e alle insulae si costruiscono però anche delle casette di poche camere destinate ad
una o due famiglie.
Accanto a queste abitazioni, sorgono però anche le insulae, case d’affitto a più piani e a più scale, a
volte con botteghe al pianterreno, che sembrano costituiscano il primo esempio di case popolari.
Ve ne sono di decorose, ma in genere sono veramente modeste. In molti casi gli inquilini devono
accontentarsi di spazi assai ristretti ; l’abitazione è ridotta quasi soltanto alla funzione di riparo.
Oltre alle domus e alle insulae si costruiscono però anche delle casette di poche camere destinate ad
una o due famiglie.
La casa romana, in un primo tempo semplice ed austera, composta di poche camere situate intorno
ad un cortile, che con il passare del tempo si ingrandisce e si perfeziona. La domus, cioè la casa
patriziale, è grande, con numerose stanze e una netta distinzione tra la parte destinata alla vita
sociale, disposta intorno ad un cortile anteriore (atrio), e quella destinata alla vita privata, che si
sviluppa intorno al cortile posteriore, più grande (peristilio). Le stanze prendono luce e aria dai cortili.
La domus è ben aerata, provvista di servizi igienici (bagni), riscaldata con condutture di aria calda che
passano sotto il pavimento (casa romana di Augusta Raurica, Basilea).
La casa medievale
Durante tutto l’Alto Medioevo (VIII – XI sec.) l’economia prevalente diventa la lavorazione della terra
(podere). Terreni di proprietà dei monasteri, del re o dei nobili vengono coltivati da una o più famiglie
contadine che ne ricavano il necessario per vivere
dando una parte del raccolto al signore proprietario.
La casa contadina era una semplice e povera dimora
a un piano costituita da una unica stanza dove
risiedeva tutta la famiglia.
La casa, come pure tutti i suppellettili, era di legno
ed il riscaldamento era un focolare al centro della
stanza e il fumo usciva da un’apertura sul tetto. È
facile immaginare quali fossero le condizioni
igieniche di queste dimore.
La casa medievale non era curata nei dettagli a
causa del periodo particolarmente incerto nel quale
le popolazioni dovevano vivere in quanto queste erano periodicamente confrontate con invasioni di
altri popoli, guerre ecc. Le abitazioni erano quindi poco curate, molto semplici dal punto di vista
costruttivo.
Educazione tecnica: L’abitazione Unità didattica classi seconde
Esperti DECS-UIM pagina
2
I palazzi del rinascimento
A partire dal IX – X sec. gli sconvolgimenti determinati dalle
invasioni di popoli barbari costringono a nuove esigenze
abitative. Gli insediamenti si raggruppano sulle alture
circondate da mura: fanno la loro apparizioni i primi castelli.
Sorgono così piccoli centri abitati sotto la protezione del
castello e del signore feudatario. Nel castello vi sono la
rocca signorile, la chiesa e le case dei soldati; attorno le
attività artigianali e i servizi, il mulino, il forno, il pozzo e
così via. Ai margini le abitazioni in legno o in pietra. Le
case della gente comune invece rimangono semplici
dimore di legno.
Solo nella seconda metà dell’800 incominciano a comparire
nelle abitazioni della media a dell’alta borghesia impianti di
acqua corrente, gabinetti igienici, bagni, impianti
d’illuminazione e di riscaldamento a gas, fognature collettive, ecc. Ma le abitazioni più modeste ne
sono ancora del tutto prive.
Questi sono in generale grandiosi e così pure le ville dell’epoca, circondate da splendidi giardini. Si
costruiscono abitazioni belle ma poco confortevoli, si curano in particolare le stanze destinate ai
ricevimenti, mentre quelle adibite ad abitazione sono modeste. Le persone agiate vivono quindi in
case assai confortevoli, in cui è possibile appartarsi e avere una vita privata. I servizi igienici lasciano
però ancora molto a desiderare. Anche le case più signorili sono sprovviste di bagno.
Dopo la rivoluzione francese, si diffondono abitazioni a più appartamenti. Poco aerate e poco
luminose, economiche e addossate le une alle altre. Tra la fine dell’ 800 e l’inizio del 900 fino a circa
alla prima guerra mondiale si diffonde lo stile "floreale", ossia gli ornamenti interni si arricchiscono di
motivi floreali e di foglie.
La casa moderna
I problemi di spazio non sono solo di oggi. In tutti i tempi e in tutti i paesi gli uomini nel creare uno
spazio per vivere hanno dovuto fare i conti con le scarse risorse, l’alto costo dei materiali, la difficoltà
di garantire confort e calore nei mesi freddi, con la necessità di assicurare il riparo dagli agenti
atmosferici, ecc.
Il progresso tecnico e il graduale miglioramento della vita hanno portato a mutamenti e a miglioramenti
nell'edilizia come nell'arredamento. La famiglia moderna é generalmente meno numerosa, ha meno
bisogno di spazio, ma richiede che la casa debba essere più bella, igienica e fornita di tutte le
comodità
Purtroppo possiamo trovare, ai margini delle grandi metropoli, famiglie che si costruiscono dei ripari
provvisori con materiale di fortuna o che trovano rifugio sotto i ponti, tettoie ecc.
Questi esempi ci riportano ai nostri lontani progenitori i quali trovavano nell' ambiente che li circondava
i materiali necessari per la costruzione dei loro rifugi, ma purtroppo nel nostro metodo di vita questi
casi sono un chiaro sintomo delle enormi diversità sociali esistenti.
Con l'avvento della società industriale la città nella sua espansione divora spazio ovunque e distrugge
il paesaggio; essa diventa un raggruppamento disordinato di fabbricati e di strade. Il centro della città
é soltanto un gigantesco alveare di uffici, di banche ecc. brulicante di giorno, silenzioso di notte. Gli
spostamenti quotidiani tra centro e periferia incrementano il flusso dei trasporti e quindi bisogna creare
strade, parcheggi ecc. Le strade non sono più luoghi d'incontro, ma vie di comunicazione. E' quello
che é avvento negli ultimi decenni in molte periferie delle grandi città, dove l' abitazione ha oggi la sola
funzione di dormitorio, in cui gli spazi interni sono squallidi e deprimenti onde sfruttare fino all'eccesso

lo spazio.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://associazionecultura.forumattivo.com
 
storia della casa
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Le Origini della Mafia tra Storia e Leggenda
» [STORIA DISNEY] La nascita della magia
» Storia della tortura: riflessioni sul rapporto tra dolore, potere e rispetto del potere
» Motonave Viminale 1925 - 1943
» Il simbolo indissolubile dei pirati: IL JOLLY ROGER

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Omnia Cultura :: Storia degli oggetti di tutti i giorni-
Andare verso: